Passaggio di Testimone….

Novità in Consiglio Comunale (ma non per noi del movimento), il nostro Portavoce Alessandro Lemmi lascia il testimone a Michele Martini che subentra nell’incarico.  Grazie ad Alessandro per tutto il lavoro svolto e per l’importante contributo che continuerà a dare tra noi. Pubblichiamo integralmente la lettera del nuovo portavoce a tutti i cittadini:

“Il Movimento 5 Stelle è fatto di regole semplici, di persone oltre che Oneste, leali alla Parola data. E questo forse può creare meraviglia ma è bello lasciarsi rapire dalla contemplazione dei sentimenti umani e fidarsi.

Questo è quello che succede all’attivista 5 Stelle.

Vive il suo più pieno coinvolgimento nella realizzazione di quel progetto di vita, che ha fatto per se, insieme agli Altri. La speranza di un mondo migliore possibile.

Non il Paradiso sulla Terra, direi una falsità se volessi presentarlo così. Le singole individualità rimangono intatte, vigorose e granitiche. Nessuna che abbia a sentirsi moralmente esclusa se in disaccordo con la volontà della maggioranza o verso chi ha sviluppato una personale leadership. Ogni convincimento eticamente corretto è rispettato e viene preso in considerazione. Mezzo e fine diretti alla creazione di in un “prodotto dai contenuti reali da principi ideali”.

Mai visto niente di simile finora.

E di “cose” ne ho viste, studiate a fondo per farmi un’idea della società futura da costruire e in cui avrei voluto vivere. Infatti, ho sempre escluso tutti quei progetti politici seducenti ma pericolosi per l’affermazione di quel concetto di libertà individuale e sociale in cui credo e che idealizzai già prima che il futuro mi passasse avanti per leggerlo oggi come, ahimè, passato!

Le critiche al movimento e ai movimentisti?

Tutte legittime perché consentono di volare sempre più in alto, così come lo spostamento d’aria provocato da chi vorrebbe afferrare la farfalla le consente di fuggire via, allo stesso modo il movimento e le sue idee sono impalpabili ma viventi modulazioni continuamente sulle persone, sui luoghi in cui vivono, sulla cultura del tempo e del luogo.

Fiero e grato a chi mi fece conoscere questo progetto, faccio un encomio ad Alessandro Lemmi, un Signore d’altri tempi, un Uomo, che accettando disinteressatamente l’incarico di Consigliere qualche tempo fa, si è dimesso per consentire al primo dei non eletti un’esperienza di governo della cosa pubblica nel rispetto dei principi del movimento non senza prima aver conseguito importanti risultati per i cittadini che gli avevano dato le loro preferenze e, con lui, al gruppo intero.”

Michele Martini – Portavoce Consigliere Movimento 5 Stelle

Chiude la Mostra delle antenne!

81-mostra-mobilio--5--1

Abbiamo appreso, dall’articolo apparso il 3 Giugno 2016 sul quotidiano “il Tirreno” (Clicca qui per vedere l’articolo) , della possibile chiusura dell’Ente Mostra del Mobilio dopo anni di tribolazioni e silenzi.

Noi come Meet Up  Ponsacco 5 Stelle, siamo un po’ rattristati e allo stesso tempo allibiti dalla notizia.

Premesso che in questi anni, con l’alternarsi delle varie Amministrazioni, sono sempre state fatte promesse e programmi di vario genere per il riassetto e il rilancio della Mostra del Mobilio, stiamo ancora cercando di capire quali siano i rapporti tra Comune di Ponsacco e Ente Mostra.  Ci chiediamo soprattutto che fine hanno fatto le parole che scriveva il Sindaco Francesca Brogi nel suo programma elettorale del 2014 e che qui citiamo: []Lavorare attraverso consulenti qualificati alla costituzione di consorzi d’impresa; utilizzare gli spazi della Mostra del Mobilio come luogo espositivo per le aziende che ne sono sprovviste[...]

Innanzitutto questi consulenti qualificati ci dovrebbero spiegare dove pensavano di trovare le aziende sprovviste di un luogo espositivo, in quanto la stessa Ponsacco a fondi espositivi svuotati dalla crisi è messa abbastanza bene;  secondo cosa, forse gli stessi consulenti qualificati non si erano accorti che la Mostra (si presume) del Mobilio da decenni ormai non attira più nessuno per mancanza di una politica di agevolazione e di promozione per la piccola impresa.  Le uniche novità fiorite negli ultimi anni sono state il posizionamento sul tetto di antenne ripetitori per telefonia mobile e, nei locali al pian terreno, la nascita di un punto di informazione turistica, una stanza vuota (anche di personale) e mal segnalata sul territorio, che di informazioni ne da a dir poco nessuna.

Infine, come cittadini, ci domandiamo: non è che ancora una volta si sono fatte promesse solamente per far confluire voti in campagna elettorale e poi i risultati dopo due anni sono i soliti se non peggiori e cioè che si sta portando l’ Ente Mostra del Mobilio di Ponsacco alla chiusura definitiva e ad un inevitabile degrado irrecuperabile dello stabile in cui è ospitata?

Di seguito riportiamo un estratto della nostra proposta di programma 2014 come M5S Ponsacco, sul riutilizzo della Mostra del Mobilio. Tale programma è sempre disponibile , nella versione integrale,  su questo Blog .

Da: “Programma per Ponsacco – Amministrative 2014”

“Capitolo 18 – Commercio e Lavoro

  • 18.3.4. Start Up 

Cercheremo di sfruttare i piani inutilizzati della Mostra Permanente del Mobilio portandoli a norma, sia in termini di sicurezza che di agibilità, per ricavarne locali da dare in concessione per attivare delle Start-Up.

La Mostra Permanente del Mobilio è uno dei simboli della nostra città, ma ormai in piena decadenza. Nonostante questo stato di quasi abbandono, la struttura potrebbe essere facilmente e velocemente riutilizzata (specialmente nei piani alti, completamente vuoti) per la costituzione di piccoli uffici per start-up, affittati a prezzi contenuti.

Queste giovani aziende possono dare nuova linfa e innovazione all’economia locale, attraendo a Ponsacco anche persone provenienti dai bacini universitari di Pisa e Firenze.”

 

Start Up o solo “UP”

Ricordate il grande evento organizzato in pompa magna dalla nostra Amministrazione, in occasione della festa del commercio 2015, per presentare la prima start up  che avrebbe aperto da lì a breve in corso Matteotti ?

Ecco un estratto del comunicato stampa rilasciato dal sindaco Brogi per rinfrescarci le idee , visto anche l’arrivo dell’estate e il caldo potrebbe offuscare i nostri ricordi:

” Quale migliore occasione”- dichiara il Sindaco Francesca Brogi- “ di far conoscere le attività e le opportunità che questo progetto offre, se non quella di aprire un vero e proprio punto informativo, temporaneo per i due giorni della fiera, per  illustrare come sia possibile valorizzare l’economia del territorio grazie ai prodotti tipici locali e enogastronomici  della filiera corta, e accedere ai contributi regionali per entrare a farne parte”.

Sarà anche l’occasione – continua Elisabetta Epifori direttore del Polo Tecnologico di Navacchio- per illustrare le attività e soprattutto per presentare la prima startup che si insedierà nell’Incubatore diffuso… che, in linea con la filosofia del progetto si caratterizza per l’innovazione e l’eccellenza nel declinare il tema agrifood ”.

… percorso che ha intrapreso Maria Stella Ricciardi titolare di  “MyCup”, specializzata in attività di produzione artigianale di pasticceria “non tradizionale sfornando cupcake, brownie, cookies, muffin dolci\salati e waffel farciti, di derivazione anglosassone, ma rivisitati”, …. e che ora andranno a deliziare i palati di chi deciderà di fare una visita a Ponsacco e al suo centro storico.

 

Spinti dalla curiosità siamo andati allora a vedere di persona che cosa ci sia oggi al civico 55 e indovinate che cosa abbiamo trovato ?

NIENTE!!!

 

Chissà, forse la start up sarà  volata via insieme  al Beccaccino verso le cascate Paradiso come nel film della Disney  UP !!!

Una cosa certa però la conosciamo ed è il costo pagato da noi cittadini per questa bella storia che ormai sembra diventare sempre più, ogni giorno che passa, una leggenda metropolitana …

 

SPESA € 25.967,70 – BENEFICI 0

Cittadini in MoVimento