Archivi categoria: Scuola

Abbiamo proprio bisogno di una scuola nuova a Ponsacco?

Lo sapevate che i progettisti delle strutture del nuovo edificio sono gli stessi che hanno relazionato circa l’inadeguatezza statica del vecchio edificio?

A suo tempo è stato chiesto all’amministrazione di approfondire l’argomento circa l’inadeguatezza statica dell’edifico e su eventuali interventi di rinforzo o rifacimento da intraprendere, offrendo il contributo delle opposizioni all’interno di un’apposita commissione da istituire sull’argomento. Ma ovviamente l’amministrazione ha chiuso la porta in faccia alla partecipazione sia tecnica che politica da parte delle opposizioni. Scuole-fucini-ponscacco2La nostra richiesta era dettata dal fatto che credevamo che la priorità su un argomento come questo fosse quella di trovare un percorso che permettesse di spendere al meglio le poche risorse che purtroppo possono essere messe in campo per ottenere il miglior servizio scolastico possibile, l’amministrazione ha dimostrato invece di essere più interessata a dare dei segnali nel più breve tempo possibile e soprattutto dimostrare di aver “fatto qualcosa” prima della fine del mandato, e questo a nostro avviso comporterà spendere di più per avere delle strutture peggiori.

Sappiate che ci sarebbe potuta essere la possibilità che nell’ambito della dichiarazione di inadeguatezza statica delle scuole Fucini, l’Amministrazione avrebbe potuto mettere in campo alcune questioni di carattere tecnico giuridico per prolungarne l’uso come di fatto è avvenuto fino all’anno precedente.

Con una quota parte (probabilmente neanche la metà) dei soldi spesi per il noleggio dei container 120000 euro annui si sarebbero potuti fare dei lavori in somma urgenza di messa in sicurezza statica delle scuole Fucini.

Infine si sarebbe potuto pianificare, con i tempi dovuti, il progetto di una nuova scuola magari in un luogo più adatto rispetto a quello ove è ubicata la scuola oggi, in modo da fare sì una scuola moderna che rispetti gli standard delle ultime linee guida del Miur, senza forzare a far entrare 10 classi in un lotto che ne dovrebbe a malapena contenere 5; anche perché una scuola costruita nuova oggi ce la portiamo avanti per i prossimi 50 anni almeno, e sarebbe bene che fosse il frutto di una meditazione progettuale urbanistica architettonica coscienziosa e non il frutto di una mera campagna elettorale….

SCUOLA FUCINI: UN INAUGURAZIONE DA 120.000 EURO L’ANNO!!

container scuola

Sabato 13 Gennaio sarà celebrata in pompa magna l’ennesima figuraccia del Comune di Ponsacco!

Quanti di noi cittadini si ricordano delle scuole Fucini e la loro chiusura neanche una settimana prima dell’inizio dell’anno scolastico? E quanti di noi si ricordano del NOLEGGIO dei prefabbricati, ora installati nel cortile della scuola Niccolini, al costo di 120.000 euro l’anno, per rimediare all’imprevista chiusura delle Fucini?

Ebbene, nel 2018 avremmo dovuto festeggiare l’inaugurazione dell’AMPLIAMENTO DELLE SCUOLE FUCINI (quando non si sa) ma, dopo le verifiche strutturali fatte prima di iniziare i lavori a fine Agosto, e ignorando le richieste fatte sin dal 2016, del Movimento 5 Stelle di Ponsacco, di fare i controlli antisismici su tutte le scuole del Comune, costruite prima del 1984 (di cui fanno parte anche le Fucini) come da normativa, ecco che le stesse Fucini risultano “non conformi alle normative statiche strutturali”. Nemmeno un mese e ne viene chiesta in CC, da parte dell’Amministrazione del Comune di Ponsacco, la demolizione della scuola, e divulgato l’ennesimo annuncio della costruzione di una nuova, bellissima e sicura scuola.

Ad oggi però, l’unica cosa prevista è l’inaugurazione dei container noleggiati in emergenza al costo di 120.000 euro l’anno (loro non lo dicono) che tanto sappiamo chi li pagherà!!

Una domanda nasce spontanea: ora faranno i controlli antisismici anche alle altre scuole del Comune, o aspetteranno che succeda  qualcosa ai nostri figli?

Buona CERIMONIA DI INAUGURAZIONE!!

Re-inizia la scuola! …in arrivo la conoscenza sulla sicurezza?

Risultati immagini per inizio scuola sicurezza

Nel sollecitare l’amministrazione, mediante delle interrogazioni, sul tema della sicurezza sismica delle scuole e in particolare sull’obbligatorietà di eseguire delle verifiche tecniche atte a stimare la vulnerabilità sismica delle scuole, abbiamo ricevuto in merito due risposte diverse: nella la prima ci è stato detto che l’obbligatorietà non c’era a meno di eseguire lavori importanti sulle strutture (riferimento al primo articolo);  http://www.ponsacco5stelle.it/2016/05/le-nostre-scuole-sono-sicure-senza-le-opportune-verifiche/

poiché ciò è palesemente in contrasto con quanto prevede la norma e non essendo quindi convinti affatto di quanto ci era stato risposto, abbiamo fatto un’ulteriore interrogazione sull’argomento chiedendo chiarimenti. Ecco che nella seconda risposta si ammette dell’obbligatorietà di tali verifiche ai sensi di legge e  si dichiara di voler “nel futuro” iniziare a programmare le verifiche compatibilmente con altre esigenze e risorse dell’amministrazione (riferimento secondo articolo) . http://www.ponsacco5stelle.it/2017/06/o-c-p-m-organo-comunale-ponsacchino-menzognero-sicurezza-sismica-scuole/

L’inizio del “futuro” , a dimostrazione che a volte delle interrogazioni che mettono in evidenza un problema condite da qualche articolo un po’ polemico possano smuovere l’operato di un amministrazione, si è palesato nel Consiglio del 29-06-2017, dove spunta fuori  un provvedimento di variazione di bilancio che dirotta dei fondi dalla manutenzione straordinaria edifici comunali e verde  (35000euro) e da manutenzione strade e marciapiedi (20000euro), rispettivamente verso  l’istallazione di impianti di riscaldamento al Villino Mattei (biblioteca) e per  l’esecuzione  delle verifiche tecniche di vulnerabilità sulle scuole Fucini, oggetto di futuri lavori di ampliamento. Dall’estratto della richiesta di variazione di bilancio presentata dal responsabile settore III si legge

Si dichiara apertamente che poiché nella somma stanziata di 450000 euro non sono stati finanziati interventi di adeguamento sismico sulle strutture, si decide di fare almeno la verifica di vulnerabilità sismica che serve a conoscere quale sia il livello di sicurezza dell’edificio nei confronti del sisma.

Tutto ciò dimostra che le nostre richieste hanno prodotto dei risultati, e di questo ne siamo contenti, ma dimostra altresì come temi importanti vengano trattati talvolta con superficialità, sia per le risposte contraddittorie dateci, sia per il fatto che avendo adeguatamente programmato il lavoro, a fronte di una stanziamento iniziale di 450000 euro, non ci sarebbe stato bisogno di un provvedimento “tampone” di variazione di bilancio (di 20000 euro) per dover togliere fondi alla manutenzione delle strade e destinarli alle scuole.

Per questi ultimi motivi e perché trattasi di una variazione di bilancio in capo all’amministrazione, il punto in oggetto  in consiglio comunale è stato da noi votato no.

Ci auguriamo comunque che il processo di verifica, di monitoraggio e miglioramento degli edifici scolastici possa finalmente essere messo in campo e adeguatamente programmato con anticipo.