Archivi categoria: Mozioni Presentate

Re-inizia la scuola! …in arrivo la conoscenza sulla sicurezza?

Risultati immagini per inizio scuola sicurezza

Nel sollecitare l’amministrazione, mediante delle interrogazioni, sul tema della sicurezza sismica delle scuole e in particolare sull’obbligatorietà di eseguire delle verifiche tecniche atte a stimare la vulnerabilità sismica delle scuole, abbiamo ricevuto in merito due risposte diverse: nella la prima ci è stato detto che l’obbligatorietà non c’era a meno di eseguire lavori importanti sulle strutture (riferimento al primo articolo);  http://www.ponsacco5stelle.it/2016/05/le-nostre-scuole-sono-sicure-senza-le-opportune-verifiche/

poiché ciò è palesemente in contrasto con quanto prevede la norma e non essendo quindi convinti affatto di quanto ci era stato risposto, abbiamo fatto un’ulteriore interrogazione sull’argomento chiedendo chiarimenti. Ecco che nella seconda risposta si ammette dell’obbligatorietà di tali verifiche ai sensi di legge e  si dichiara di voler “nel futuro” iniziare a programmare le verifiche compatibilmente con altre esigenze e risorse dell’amministrazione (riferimento secondo articolo) . http://www.ponsacco5stelle.it/2017/06/o-c-p-m-organo-comunale-ponsacchino-menzognero-sicurezza-sismica-scuole/

L’inizio del “futuro” , a dimostrazione che a volte delle interrogazioni che mettono in evidenza un problema condite da qualche articolo un po’ polemico possano smuovere l’operato di un amministrazione, si è palesato nel Consiglio del 29-06-2017, dove spunta fuori  un provvedimento di variazione di bilancio che dirotta dei fondi dalla manutenzione straordinaria edifici comunali e verde  (35000euro) e da manutenzione strade e marciapiedi (20000euro), rispettivamente verso  l’istallazione di impianti di riscaldamento al Villino Mattei (biblioteca) e per  l’esecuzione  delle verifiche tecniche di vulnerabilità sulle scuole Fucini, oggetto di futuri lavori di ampliamento. Dall’estratto della richiesta di variazione di bilancio presentata dal responsabile settore III si legge

Si dichiara apertamente che poiché nella somma stanziata di 450000 euro non sono stati finanziati interventi di adeguamento sismico sulle strutture, si decide di fare almeno la verifica di vulnerabilità sismica che serve a conoscere quale sia il livello di sicurezza dell’edificio nei confronti del sisma.

Tutto ciò dimostra che le nostre richieste hanno prodotto dei risultati, e di questo ne siamo contenti, ma dimostra altresì come temi importanti vengano trattati talvolta con superficialità, sia per le risposte contraddittorie dateci, sia per il fatto che avendo adeguatamente programmato il lavoro, a fronte di una stanziamento iniziale di 450000 euro, non ci sarebbe stato bisogno di un provvedimento “tampone” di variazione di bilancio (di 20000 euro) per dover togliere fondi alla manutenzione delle strade e destinarli alle scuole.

Per questi ultimi motivi e perché trattasi di una variazione di bilancio in capo all’amministrazione, il punto in oggetto  in consiglio comunale è stato da noi votato no.

Ci auguriamo comunque che il processo di verifica, di monitoraggio e miglioramento degli edifici scolastici possa finalmente essere messo in campo e adeguatamente programmato con anticipo.

E’ ARRIVATO LO STREAMING A PONSACCO???

Live-Streaming

A settembre 2014 il M5S di Ponsacco ha chiesto, in Consiglio Comunale, l’adozione delle riprese in streamig delle sedute del Consiglio per dare la possibilità ai cittadini, tutti, di seguire i lavori dell’amministrazione anche dalle proprie case.

Sono passati circa 3 anni o quasi e, dopo ripetute sedute in commissione e richieste di partecipazione, fornite dai nostri consiglieri e tuttavia mai accolte da questa amministrazione, finalmente anche il nostro comune si è dotato di un regolamento per le riprese audio video del Consiglio Comunale.

Dopo tre anni questa amministrazione ha riconosciuto fondate le motivazioni della nostra richiesta:

“… il Comune di Ponsacco intende consentire la più ampia conoscenza a favore della propria comunità e a vantaggio dell’opinione pubblica in generale, dell’operato dei Consiglieri eletti a rappresentarla; … “.

Dal 18 luglio u.s. è partito dunque il conto alla rovescia in attesa di potere assistere in streaming al primo Consiglio Comunale anche a Ponsacco.

Contate con noi.

Speriamo di non dover attendere altrettanto tempo atteso, per il regolamento, per avere un servizio di trasparenza al cittadino che costa solo poche centinaia di Euro.

A riveder le stelle

” BARATTO AMMINISTRATIVO ” RILANCIA LA CITTADINANZA ATTIVA

 

Sempre più numerosi sono i Comuni che prevedono la possibilità per i propri cittadini, titolari verso l’Ente di debiti di vario genere (imposte, tributi, ecc.), di barattare il mancato pagamento di questi con una propria prestazione, che sia socialmente utile.

 Il baratto amministrativo consente di tutelare il diritto di ciascun nucleo familiare di preservare le risorse economiche per i bisogni primari, garantendo al tempo stesso il rispetto delle regole di pagamento dei tributi, seppur in una forma alternativa rispetto alla tradizionale pecuniaria.

Tale principio introdotto dal decreto ” Sblocca Italia ”  del 2014 è pensato per venire incontro ai cittadini in difficoltà nel pagamento di una tassa locale.

Esperienze positive si hanno ad Ascoli Piceno e altre città, quì in Toscana  è stato applicato per la prima volta  nel Comune di Massarosa. Come riporta il Sindaco di quel comune, questa iniziativa ha consentito l’apertura anticipata della scuola andando incontro alle esigienze dei lavoratori e  ai cittadini attivi  di beneficiare dello sconto fiscale .

II M5S di Ponsacco ha presentato una mozione discussa in Consiglio Comunale chiedendo l’applicazione del baratto amministrativo, visto il contesto sociale in cui viviamo,  dove  le famiglie sono sempre più in difficoltà economica  e il tessuto produttivo non riesce ad assorbire la manodopera locale.

Sorprendentemente ci siamo trovati con l’intero Consiglio Comunale contrario alla nostra proposta.

Maggioranza e opposizione hanno detto No !!!

Le motivazioni sono state le più disparate :  rispetto del pareggio di bilancio da una parte, uniformità di trattamento dall’altra…tutto questo ha portato ad un risultato negativo, non per il M5s,  ma per i cittadini .

Sono i cittadini economicamente più deboli di Ponsacco che con questa scelta perdono un’opportunità offerta loro dalla legge ( voluta dallo stesso PD) per far quadrare ” i conti familiari” e mantendo la loro dignità.

In questo caso è il risultato quello che conta e ci ha mostrato come alla maggioranza di ” Palazzo ”  non interessa favorire  i cittadini in “difficoltà”, quanto invece dimostrare la propria “arroganza”  contro chi fa proposte serie e costruttive nel rispetto della legge.

 

Non ci stancheremo mai di dirlo perché ci crediamo profondamente:

Nessuno deve rimanere indietro!

A riveder le stelle

Sindaco e PD, dicono NO alla mozione sicurezza presentata dal Movimento 5 Stelle.

Sindaco e Partito Democratico dicono NO alla mozione sicurezza presentata dal Movimento 5 Stelle.

Sicurezza

In questa mozione il M5S chiedeva esclusivamente di incidere politicamente sul Prefetto affinché potesse agire, in seno al comitato provinciale di Ordine e Sicurezza pubblica, per il recupero delle forze dell’ordine da distribuire sui territori. Anche Ponsacco ne avrebbe potuto beneficiare grazie ad una legge del 1981 (Riforma di Polizia) ancora non del tutto applicata; legge di cui lo stesso partito che oggi boccia la nostra mozione, all’epoca PCI, fu ampio sostenitore!

Si chiedeva, in sostanza,  l’istituzione delle sale operative comuni delle forze dell’ordine (art. 21 legge121/1981) – finalizzate alla razionalizzazione delle risorse umane.

Che la gestione politica locale sia diventata partitocratica e poco lungimirante, lo si estrapola dalle stesse parole del sindaco allorché, durante l’intervento in consiglio comunale,  dice: “Le forze dell’ordine si scontrano con i limiti di personale che poi scontano i territori. La richiesta dovrebbe venire da tutti i territori”.

Perché il Sindaco fa finta di non capire? Era infatti quello che il M5S diceva e voleva. Se dice le stesse cose che diciamo noi, perché ha bocciato la mozione?

Socrate diceva “chi vuol muovere il mondo prima muova se stesso

Ci rivolgiamo a te, caro Sindaco, approvando questa mozione, oggi avevi la possibilità di farlo e non lo hai fatto, aspetti che il primo passo lo facciano gli altri e così, non muovendoti tu, non muovi neanche il mondo.

E Ponsacco, ancora una volta all’insaputa dei suoi cittadini, resterà indietro!